Home » News » Finali di Collalbo – Ritten Arena

Finali di Collalbo – Ritten Arena

Finali di Collalbo – Ritten Arena - ASSOCIAZIONE SPORTIVA POCHI 89

È il 17 marzo 2012, una splendida giornata di sole, e nella bella struttura sportiva di Collalbo (Ritten Arena) si disputano le finali del Campionato Italiano di Broomball.

Giornata piena di incontri, ben otto quelli in programma con inizio previsto alle 11 con la partita valida per il terzo posto della Silver League: è subito broomball spettacolo con 5 gol rifilati dal Gardena al Nanno, si continua poi alle 12 e 15 con la finale terzo-quarto posto femminile, vinta dal Pinè di Mirko Tait contro il Geier con un gol della sempre sobria Maddy..

Alle 13.30 tocca ai lupi provarci per il terzo posto, atto conclusivo di una stagione difficile e travagliata: Pochi ’89 – Val di Sole si preannuncia essere una partita equilibrata tra due squadre che per l’intera stagione si sono affrontate lealmente e con amicizia; con amicizia appunto: il Pochi’89 sembra prendere questa gara come una partita amichevole, entrando in campo con la testa già al dopo partita o forse addirittura alla stagione successiva: scarsa concentrazione dei nostri, più defezioni importanti (Gianfri, Marvin, Caino, Becco, Gabo, Pier, Zeni per citarne alcuni) hanno trasformato l’incontro in una gara a senso unico: dominio del Val di Sole con unica nota lieta dell’armata giallo nera il portierone Andrea Yahoo: l’acchiappasogni si è superato in diverse parate decisive. Primo tempo che si chiude con l’uno a zero dei solandri stra meritato!! Secondo tempo che parte come il primo, occhi spenti e poco cattivi nella nostra panchina, facce distese ma concentrate nella panchina avversaria e 2 a 0 che arriva da lì a poco su una superiorità numerica del Val di Sole..A 3 minuti dalla fine arriva il guizzo pochèro: Roland Lazzeri con uno dei suoi soliti tiri da fuori trova una deviazione decisiva e segna l’ennesimo gol stagionale; partita che cambia, gambe molli per gli avversari e finalmente un po’ di adrenalina per noi…ma mancano solo tre minuti e l’assedio finale non porta allo sperato, ma immeritato, pareggio..si chiude così al quarto posto la stagione del Pochi’89 che dopo lo scudetto dello scorso anno si presta a vedere dagli spalti l’attesa finale Belluno – Sharks..

Le partite che seguono vedono la retrocessione in Silver League del B.C.Red Devils Stilfes (sconfitto dai Bad Boys) e la vittoria della Silver League da parte del Welschnofen (vittorioso contro un ottimo Egna sostenuto da un rumorosissimo e caloroso pubblico)..

Arriva poi il momento della partita dimostrativa della giovanile. Per l’assenza di altre squadre coetanee i ragazzi under 16 del Pochi, allenati da Rolando Telch con l'aiuto di Mirko Tait e Piciù, si sfidano tra di loro facendo un’ottima impressione e dando un bel segnale per il futuro all’intero movimento. Da segnalare che i ragazzi in casacca nera vincono 3 a 0 con due gol di Stefano Telch e uno di Matteo Telch contro i compagni–avversari in casacca bianca. I ragazzi poi hanno festeggiato insieme davanti ad un hamburger offerto gentilmente dal CIB.

Verso le sette è il momento della finale femminile, davanti ad un pubblico carico a dovere si affrontano le donne della Rotalnord contro il SSV.Leifers "Lenzi"…Anche quest’anno la squadra di Carlo Giga Weber vince lo scudetto con il solito gol di Cinzia Dorigatti (madre dei baby goleador della giovanile)..

E poi…..Belluno – Sharks, la finale scudetto maschile: squadre al completo e tanta tensione per la partita decisiva della stagione: gara da subito molto equilibrata con un dominio territoriale del Belluno e squali che ci provano in contropiede; ottime occasioni da entrambe le parti con i tempi regolamentari che vedono come assoluti protagonisti i due portieri; equilibrio che porta le squadre a reti inviolate ai tempi supplementari (3 tempi da 5 minuti): squadre che negli over time si affrontano non più 5 contro 5 ma 3 contro 3. Ma sono la stanchezza e la paura di perdere che la fanno da padrona e risultato che non cambia.. Da sottolineare un momento di tensione per i due minuti giustamente inflitti a Casamassima per colpo di bastone con grandi proteste degli squali, che ha visto poi giocare il Belluno in 3 contro 2 ma non approfittare della situazione super favorevole, situazione che si rovescia quando ad essere espulso è un giocatore del Belluno per trattenuta, ma anche qua situazione che non si sblocca. Partita comunque molto spettacolare con continui rovesciamenti di fronte, tempi regolamentari giocati meglio dal Belluno, supplementari che ai punti andrebbero agli Sharks. Da notare un numero di alta scuola di Matonti che nell’overtime si inventa un sombrero e una ripartenza in palleggio degna del miglior Ronaldinho….0 a 0 quindi al termine dei supplementari, e squadre che si accingono ai calci di rigore davanti ad un pubblico fortemente di parte con i cori pro belluno che fanno da colonna sonora alla partita delle partite: calci di rigore (o shoot out a scelta di ogni giocatore) che dopo 5 tiri vede il risultato di 1 a 1; si va ad oltranza e Parenti si inventa uno shoot out da enciclopedia Zanichelli e porta il Belluno a vincere uno strameritato scudetto, il secondo di giornata per Giga, che si aggiunge al suo già ricco Palmares.

Serata che poi tra festeggiamenti e qualche piccola rissa si protrae fino a tarda notte, chiudendo la stagione 2011-2012 di Broomball (anche se manca ancora da disputare la finale del campionato misto).

Un grazie particolare a tutti quelli che fino alla fine hanno dimostrato di essere parte e cuore di questa squadra, a chi anche nei momenti di difficoltà non ha mai mollato, in particolare a Roland Lazzeri (il Zanetti de no altri), al Coach, alle prese sempre con una squadra mai al completo, a Marvin che in diretta dalla Svizzera ha provato ad esserci, ai tifosi, vera anima del Pochi, a quelli che anche se infortunati hanno provato ad esserci, e poi a tutti i ragazzi, che da qualche anno si stanno prendendo sempre più responsabilità..il futuro è vostro…

Non si può vincere sempre, però bisogna sentirsi giallo neri dentro e parte di un gruppo che venderà sempre cara la pelle, senza mai pretendere niente, ma con la voglia di dare e sacrificarsi per la maglia..questa è la nostra forza, questa è la nostra strada!!

 

Grazie Lupi, e buone vacanze!!

 

20/03/2012 commenti (0)